Resezione endoscopica prostatica TURP

La

resezione endoscopica prostatica TURP

, rappresenta il trattamento chirurgico di prima scelta nell’ormai quasi totalità dei pazienti affetti da ipertrofia prostatica benigna non più responsivi alla terapia medica.
La TURP è un intervento di tipo endoscopico che utilizza come via di accesso chirurgico il canale uretrale (quindi non vengono eseguite incisioni della cute). L’anestesia è di tipo spinale: il medico anestesista inietta anestetico direttamente nel canale vertebrale determinando la paralisi e l’anestesia solo del segmento inferiore del tronco e degli arti inferiori.
L’intervento è eseguito con uno strumento chiamato resettore, introdotto in vescica attraverso l’uretra e dotato di un sistema di visione a fibre ottiche e di un’ansa, attraverso la quale si procede a resezione della porzione centrale della ghiandola prostatica.
Il risultato della rimozione del tessuto prostatico in eccesso è il ripristino di un canale urinario di calibro congruo a consentire una minzione regolare.
La durata dell’intervento è di circa 60 minuti dipendendo comunque dal volume iniziale della prostata e quindi dalla quantità di tessuto da asportare.
Ad oggi la mininvasività della TURP e la rapidità di esecuzione lo hanno reso senza dubbio il procedimento chirurgico di prima scelta nel trattamento dell’IPB.

Vuoi prenotare una visita ADESSO?

Lascia un commento

Dott. Eligio Vannozzi - Iscritto all' albo dei medici-chirurghi di Roma al n°50056